Home Home 5 segnali che indicano che stai consumando troppo sale

5 segnali che indicano che stai consumando troppo sale

2136
0
troppo sale

L’azione di mangiare ha come finalità principale quella di nutrire il corpo, per garantire il mantenimento e lo sviluppo della vita, ma può trasformarsi in vere e proprie patologie quando esageriamo con alcuni condimenti, come il sale per esempio. Mai come per il sale il giusto dosaggio è di vitale importanza, un abuso può provocare danni seri all’apparato cardiovascolare, con patologie spesso mortali, come: l’ictus o l’infarto del miocardio, oltre ad avere un effetto deleterio sul cervello. Per questo motivo abbiamo deciso di svelarvi i 5 segnali che ci invia il nostro corpo quando consumiamo troppo sale.

Dal momento che il sodio è un minerale importante per regolare i liquidi, trasmettere l’impulso nervoso e stimolare le contrazioni muscolari, 10-15 grammi giornalieri possono bastare. Se eccediamo nelle quantità, potremmo avere dei problemi di salute anche seri.

Ecco i 5 campanelli d’allarme che indicano che stiamo consumando troppo sale:

1)Il primo segnale d’allarme è la continua sensazione di sete, che non si attenua neanche dopo aver bevuto, questo avviene perché le cellule si disidratano a causa dell’eccesso di sale, quindi per ricostruire l’equilibrio i reni inviano l’impulso della sete al cervello che ci dice di bere di più.

2)Dopo un pasto particolarmente saporito si avverte un fastidioso gonfiore, dovuto alla grande quantità di liquidi che l’organismo tende a compensare trattenendo più acqua, che si accumula nel corpo.

Il dato più preoccupante è che i sale attrae l’acqua e la polarizza provocando un aumento del volume del sangue, che non funziona più a livelli ottimali.

3)Una diretta conseguenza è la ritenzione idrica, vale a dire un maggior accumulo di liquidi nei tessuti, dovuto ad uno squilibrio tra le forze che regolano il passaggio dei liquidi da una zona all’altra.

Il segno più evidente è l’edema che causa un anomalo rigonfiamento, che va ad alterare la circolazione venosa e linfatica, i liquidi e le tossine presenti nel corpo alterano il metabolismo cellulare con un ridotto apporto di ossigeno e nutrienti.

4)L’organo che maggiormente soffre per un eccesso di sale è sicuramente il rene, il cui compito è quello di filtrare e depurare il sangue, ma il suo lavoro viene ostacolato dal troppo sale, di conseguenza cresce la percentuale di proteina presente nelle urine generando malattie renali.

Più sale si accumula nell’organismo, più i reni devono lavorare per eliminarlo, questo sovraccarico di lavoro li fa invecchiare in maniera precoce.

5)Altro campanello d’allarme da non sottovalutare è l’ipertensione, i livelli ottimali sono 90 mmHg per quanto riguarda la diastolica e 140mmHg per quella sistolica.

In pratica il sistema nervoso è stimolato a produrre una quantità maggiore, ma non necessaria, di adrenalina che provoca una costrizione nelle arterie ed un rialzo della pressione arteriosa.

Per ricevere in anteprima tutte le nostre notizie, iscriviti subito alla nostra newsletter!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

nove − uno =